• L'alfabeto ai tempi del Covid

    Dalla Bi alla Emme.

    B di (Piano) B:  molte categorie sono state messe a dura prova, in primis il turismo ed il settore degli eventi, in cui io bazzico da diversi anni. Nei primi giorni abbiamo tutti creduto che #andràtuttobene sarebbe stato un arcobaleno colorato che ci saremmo portati dietro come una spilla sul cappotto, o come una bandiera sbiadita da mettere nell’armadio e ritirare fuori con il nuovo cambio stagione del prossimo anno, magari ripiegandola accennando un mezzo sorriso. Invece no. Perché a distanza di giorni, molti di lockdown, ormai neanche le linee dei colori si distinguono più. Dove finisce l’arcobaleno? E con quale colore? A me capita spesso di vederli dal finestrino…

  • In generale nella vita

    La cartella varie

    In questa quarantena, ho scoperto di non essere molto creativa nel riordinare ed immagazzinare i ricordi. Anzi, lasciatemelo dire, proprio per niente. Una delle interessantissime attività che sto svolgendo nell’ora pre -aperitivo, scelta non casuale, in quanto mi astiene dallo stazionare davanti al frigo in attesa dell’illuminazione, è l’archiviazione delle foto in cartelle con nomi il più possible circoscritti. Ho realizzato infatti che il mio materiale fotografico è buttato alla rinfusa in cartelle rinominate con una data, tipo “scaricate il 08.04”, o più semplicemente dai nomi indefiniti, “foto miste”, “foto da aziendale”, “foto da personale”, risultato di anni di fretta e trascuratezza. Questo lavoro di apri, commenta o commuoviti, a…

  • In generale nella vita

    Toccarla piano.

    Nella foto di copertina la zia Paola mi fa i codini. Io avrò avuto circa 3 anni, e mi lascio tormentare solo perché anche lei li porta, proprio come insegnano i manuali di psicologia (mi pare di ricordare): se si vuole parlare con un bambino ci si deve mettere alla sua altezza, per farlo sentire a proprio agio. Ecco in parole povere, quello che significa la parola empatia: mettersi nei panni degli altri, facendoli sentire a loro agio. La mia amica Tozli, il cui cognome venne storpiato da un medico egiziano ormai dieci anni fa, che  scrisse in modo sbagliato il suo cognome su di un referto, la settimana scorsa…

  • Travel

    #Zina

    Di Marrakech, delle contrattazioni, del giusto valore, e di un inizio anno bisesto.

  • In generale nella vita

    Tommaso ed Oceania (parte 2)

    Mia sorella si chiama Oceania, il nome l’ho scelto io, come il cartone della Disney. Oceania ha la faccia seria, pochi capelli tendenti al rosso, gli occhi verdi, ma non è mangiona come me. Se Oceania è arrivata, lo Zio Luigi è andato via, in un caldo sabato di luglio. Sento spesso dire dai grandi che le persone sanno quando è il momento di uscire di scena. Io non so se sia vero, so solo che da quando è andato ci sentiamo tutti un po’ più soli, come se la vita avesse abbassato il volume. A me però il volume piace alto. Alto come quando a casa facciamo il gioco…

  • #Serenacomevenezia

    All in.

    “Conosco un paio di coppie che funzionano. Ma funzionano sul serio, nel senso che vedi due persone felici, che condividono tutto, dalle preoccupazioni per il conto in banca al tovagliolo a tavola, pur mantenendo le rispettive identità, amicizie, passioni. Sono persone che vedi felici anche quando l’altro non c’è, perché sono risolte e piene anche nei giorni d’assenza. Persone che si amano e che ridono molto, che vivono una vita insieme continuando a tifare l’uno per la vita dell’altro. Che non si sentono monche se l’altro non c’è, ma con un braccio in più se l’altro c’è. Io la felicità l’ho vista li’. Il resto, ossessioni, ansie, struggimenti, sono robe…

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi